Area Riservata

TRASPORTO SCOLASTICO, "SOS" PER IL SERVIZIO SCUOLABUS

Urge una revisione normativa che tenga conto delle problematiche legate al trasporto scolastico per sollevare gli imprenditori di settore da responsabilità che non sono di loro pertinenza.

 

 

E' l’appello di Confcommercio Verona e delle categorie interessate a proposito dell'obbligo di vigilanza sui minori all'uscita dagli istituti scolastici di cui si sta diffusamente parlando in questi giorni anche a seguito di una recente ordinanza della Cassazione.

 

La scuola affida lo studente all'autista e le responsabilità ricadono tutte sull'impresa che svolge il servizio di scuolabus. Nel caso degli allievi delle scuole medie, in particolare, il genitore alla fermata dello scuolabus non c'è quasi mai. Cosa dovrebbe fare, in questi casi, chi si occupa del trasferimento?

 

“In teoria l'autista, per essere in regola, dovrebbe consegnare ogni giorno intere scolaresche ai vigili urbani”, afferma Ilenia Dall’Omo (nella foto), presidente del Consorzio Conav, aderente a Confcommercio Verona, che svolge i servizi di trasporto scolastico per diverse scuole di città e provincia. “Noi lavoriamo con la massima attenzione, ma non si possono prevenire tutte le potenziali situazioni di pericolo”.

 

“Siamo di fronte a una situazione normativa totalmente inadeguata rispetto alla realtà – prosegue Dall’Omo -. Il problema non riguarda solo gli allievi delle scuole medie. I genitori per primi sono disponibili a firmare liberatorie che tuttavia oggi hanno poco valore. Si faccia qualcosa, subito”.

 

“Il problema – afferma Paolo Arena, presidente di Confcommercio Verona – tocca pesantemente le imprese di trasporto persone a mezzo autobus aderenti alla nostra associazione, la quasi totalità delle quali svolge oltre che trasporti turistici, servizi di trasporto scolastico. Gli imprenditori di settore sono molto preoccupati, servono interventi per sollevarli da responsabilità che non si possono oggettivamente assumere. Attraverso Confcommercio nazionale stiamo cercando di trovare una soluzione utile a un problema che rischia di diventare enorme con ripercussioni su una moltitudine di soggetti e ci attiveremo anche nei confronti delle autorità locali”.




Condividi!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Confcommercio Verona utilizza i cookies per migliorare l'usabilità del sito. Potete disabilitare i cookie, modificando le impostazioni del vostro browser.