Area Riservata

TURISMO, UN'IMPRESA SU TRE E' DONNA

Turismo: nel secondo trimestre 2017 quasi un’impresa su tre è guidata da donne (negli altri settori il rapporto è di una su 5).

 

Con 29.520 imprese su un totale di poco più di 95mila, il Nordest vanta in percentuale la maggiore presenza di imprese femminili in Italia nel comparto del turismo (31%). Sono i dati di Confcommercio e Unioncamere-Isnart diffusi in occasione del quarto Forum di Terziario Donna-Confcommercio nei giorni scorsi a Palermo. Il Veneto era presente con una delegazione guidata dalla presidente regionale di Terziario Donna, la veronese Roberta Girelli (nella foto)

 

Nella classifica regionale, il Veneto è al 12° posto per tasso di femminilizzazione (29,8%), mentre – rimanendo nel Nordest – il Friuli Venezia Giulia occupa la 2° posizione, con un tasso del 34,3%. Ma è la provincia di Rovigo, con un tasso di femminilizzazione delle imprese del 38,4% (2° in Italia dopo Rieti), a trainare la squadra veneta. Verona, Venezia e Vicenza sono invece le province venete con il maggior numero di imprese femminili del turismo, rispettivamente con 2.322, 2.219 e 1.661 realtà.

 

 

“La crescita del 4,9% delle imprese femminili nel turismo fra il 2015 e il 2017 è un segnale di cambiamento – dichiara Girelli – La femminilizzazione crescente dell’imprenditoria anche in Veneto significa che stiamo conquistando spazi storicamente popolati dai colleghi, che siamo capaci di ‘tenere il punto’ e spesso di andare oltre. Mi fa piacere vedere che la crescita è in atto in tutto il Paese e, con un certo orgoglio, vedo la mia provincia, Verona, attestarsi al 9° posto in Italia per numero di imprese femminili presenti in un settore-chiave della nostra economia”.

 

Una ricerca CAWI condotta da ISNART su 10mila imprese, rivela che per il 44,3% degli interpellati il fenomeno dell’imprenditoria femminile è destinato a crescere, il 30,7% afferma che l’impresa al femminile nel turismo è sempre esistita, il 15,1% giudica il fenomeno come recente afferibile agli ultimi 10 anni, mentre il 10% sostiene che sia frutto di un processo iniziato negli anni ’70. Il valore aggiunto di innovazione apportato dalle donne al settore appare fortemente connesso al «core» di prodotto dell’impresa in termini di diversificazione e vision (69,3%).





Condividi!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Confcommercio Verona utilizza i cookies per migliorare l'usabilità del sito. Potete disabilitare i cookie, modificando le impostazioni del vostro browser.