Area Riservata

CEDOLARE SUGLI AFFITTI TURISTICI BREVI

Nella "manovrina" appena licenziata dal Governo è rispuntata la cedolare secca automatica sugli affitti brevi, chiamata "tassa Airbnb" e Confcommercio Asco Verona, nel manifestare soddisfazione per quella che potrebbe essere una svolta, auspica che si vada fino in fondo.

 

La misura prevederebbe l’applicazione di una cedolare secca del 21% sugli affitti turistici, ossia sui soggiorni inferiori ai 30 giorni. La misura ipotizzata dal governo, che potrebbe trovare spazio nel decreto “contenitore” della manovrina, garantirebbe una base di certezza normativa, ma soprattutto introdurrebbe l’obbligo per gli intermediari di registrare i contratti pena una sanzione.

"Oggi per questi affitti non è previsto nessun vincolo e l'evasione tra gli affittuari prolifera, come hanno messo in luce anche le numerose operazioni condotte dalla polizia municipale nel capoluogo scaligero", spiega il presidente di Confcommercio Asco Verona Paolo Arena. "Ci auguriamo che questo sia il primo passo verso una regolamentazione tributaria e che l'esecutivo porti fino in fondo un'azione che metterebbe finalmente qualche paletto in un settore, quello del turismo extralberghiero, che si sta caratterizzando per una proliferazione incontrollata e un'evasione ingente, difficile da tamponare e da quantificare".

"Bene la tassazione sugli affitti turistici brevi anche se il 21% rappresenta un'aliquota irrisoria rispetto a quanto pagano le imprese turistiche tradizionali - aggiunge il presidente dell'Associazione albergatori di Confcommercio Asco Verona Giulio Cavara -. L'ideale, in ogni caso, sarebbe che la tassazione avvenisse alla fonte, per evitare ogni possibile forma di elusione. Il settore del turismo ha bisogno di regole uguali per tutti per continuare a garantire occupazione e ricchezza al territorio".




Condividi!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Confcommercio Verona utilizza i cookies per migliorare l'usabilità del sito. Potete disabilitare i cookie, modificando le impostazioni del vostro browser.