Area Riservata

CONTRIBUTI PER LE IMPRESE RICETTIVE DI VERONA

albergoAnche le imprese ricettive con sede nel Comune di Verona potranno fare domanda per i 12 milioni di euro di contributi a fondo perduto stanziati dalla Regione Veneto il 23 dicembre 2016.

 

Grazie all’adozione del Piano Strategico per il turismo inviato dal Comune di Verona alla Regione a metà del 2016 la Regione consente anche alle imprese ricettive veronesi di chiedere i contributi a fondo perduto, che arrivano fino al 30% delle spese da sostenere per investimenti che favoriscano l’innovazione e la differenziazione dell’offerta e dei prodotti turistici dell’impresa stessa e/o della destinazione turistica in cui opera la struttura ricettiva.

“È un provvedimento importante” – spiega Paolo Artelio, Presidente di Confidi Veneto, cooperativa di garanzia di Confcommercio Verona – che consentirà alle nostre imprese di Verona di riposizionarsi ancor meglio sul mercato”.

 

Ammissibili molteplici tipologie di intervento, tra cui ampliamento, ristrutturazione, manutenzione, riconversione e innovazione delle strutture ricettive esistenti; impianti e strumenti tecnologici finalizzati all’innovazione dei processi organizzativi e dei servizi per gli ospiti, ivi comprese le dotazioni informatiche hardware e software e l’attivazione o l’implementazione di sistemi di prenotazione elettronica; qualificazione dei requisiti di servizio e di dotazione; riduzione dell’impatto ambientale e/o consumo di risorse (energia/acqua) della struttura; investimenti in ottica di turismo sostenibile; realizzazione di aree benessere, piscine, sala congressi, wellness, ecc. complementari alle strutture ammissibili; interventi per migliorare l’accessibilità della struttura alle persone con disabilità. Nello specifico, saranno ammissibili spese relative ad opere edili/murarie e di impiantistica, strumenti tecnologici, comprese le dotazioni informatiche hardware e software; progettazione, collaudo e direzioni lavori, attrezzature, macchinari e arredi; spese connesse all’ottenimento della/delle certificazioni di qualità, di sicurezza, ambientali o energetica; diritti di brevetto, licenze, know-how o altre forme di proprietà intellettuale.

 

“È prevista una spesa minima ammissibile” – continua Paolo Artelio – “di € 100.000,00 per consentire interventi di vera innovazione, e siamo sicuri che le imprese interessate sapranno trarre vantaggio da questo importante provvedimento in un settore che da anni non beneficia di aiuti pubblici.” Anche per le imprese con sede nel Comune di Verona sarà disponibile l’ulteriore stanziamento a favore della costituzione e sviluppo di “Club di Prodotto” sotto forma di rete d’impresa, con una dotazione complessiva di 1,8 milioni di euro.

 

“Un importantissimo provvedimento” – spiega il Presidente Artelio – “perché se da un lato è importante riqualificare la propria azienda, dall’altro sicuramente è da valorizzare la capacità di sviluppare e specializzarsi in particolari prodotti turistici che la clientela richiede, tipo bike-hotel, wellness-hotel, family-hotel, giusto per citarne alcuni.”

 

Potranno beneficiarne reti d’impresa costituite da almeno 9 imprese, di cui almeno un terzo turistico ricettive. “Saranno in particolare concessi contributi” – conclude il Presidente Artelio – “anche per l’acquisto e la realizzazione di ‘beni di club’ e/o la condivisione di servizi specialistici, la gestione e le attività di creazione di una rete telematica che consenta agli utenti di scambiarsi informazioni e accedere a banche dati, nonché all’allestimento di servizi che, attraverso un’interfaccia on line, permetta al cliente la costruzione e la prenotazione del proprio pacchetto vacanze, combinando a proprio piacimento le singole componenti del viaggio e confezionando una vacanza esattamente a sua misura. In questo termini rientrano anche i beni strumentali alle diverse tipologie di club (biciclette, colonnine per la ricarica elettrica, beni da dare in uso al cliente)”

 

Il contributo previsto per le reti d’impresa è del 50% della spesa ammissibile minima di € 80.000 e massima di € 400.000,00. Le domande per entrambi i bandi (imprese singole o in rete) potranno essere presentate dal 18 gennaio 2017 fino alle ore 17:00 del 12 aprile 2017.

 

La Segreteria di Confidi Veneto è a disposizione degli interessati per informazioni sui provvedimenti di cui sopra dal Lunedì al Giovedì dalle 8:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 16:00 (venerdì 8:00 – 14:00), tel 045/956764, fax 045/8626080, mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..




Condividi!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Confcommercio Verona utilizza i cookies per migliorare l'usabilità del sito. Potete disabilitare i cookie, modificando le impostazioni del vostro browser.